– Spazio Domanda&Risposta –

Mi scrive Marco da Firenze:

Sono qui a richiedere un parere tecnico su come l’uomo possa memorizzare bene in testa piu’ figure possibili, a parte logicamente il farle nella pratica piu’ possibile. Imparare a farle senza pensarci molto. Grazie

RISPOSTA:

PRIMA FASE
Ciao Marco, il metodo che utilizzo io con i miei allievi è di creare prima degli automatismi, con piccole sequenze di poche poche figure. E farlo in continuazione, più volte possibile, durante l’ora di lezione.
In questa fase non serve che queste sequenze si ricordino, finita la sessione di allenamento ci si può dimenticare. Poi si riprende la volta dopo, ripassando quanto fatto la volta prima e facendo ancora qualcos’altro; quindi servirà un foglio d’appunti da seguire.
Questo crea in chi sta imparando degli automatismi, dei meccanismi semi-automatici, movimenti che vengono spontanei.

SECONDA FASE
Creati gli automatismi si può passare al rodaggio delle figure. Ognuno ha le proprie figure che vengono meglio delle altre; si vede quello che è rimasto dell’allenamento fatto. Questo sarà anche quello che viene più naturale, quindi quello che sarà più facile memorizzare. Poi sarà sufficiente ricordarsi l’inizio, solo l’inizio delle varie combinazioni. Il resto dovrebbe venire naturale.

CONSIGLI:
– Sequenze di massimo 4 battute musicali (quindi 2-3 figure)
– Sequenze che si possano concatenare tra di loro (quindi una può essere il finale dell’altra)
GRADUALE; inutile fare qualcosa di troppo difficile, che viene troppo meccanico; usare quanto già si sa e fare figure che solo leggermente si discostano da quanto già si conosce, a meno che non si tratti appena di imparare le figure di base. Quindi se una sequenza viene troppo difficile da imparare, vuol dire che ancora non si è pronti per quelle combinazioni e bisogna passare prima per qualcosa di più semplice.
Più semplici sono meglio è, sia per l’uomo, che per la donna che viene guidata; la donna adora le cose semplici.
– Se una volta rodata in pista la sequenza si interrompe in un certo punto e non ci si dimentica sempre come proseguire, significa che quella sequenza era troppo lunga o che il proseguo era troppo complicato. Scartare semplicemente il proseguo e trovare un modo semplice per concludere la sequenza.

Spero queste dritte possano essere utili a tutti i ballerini maschi 🙂